Frisco costretto ad abbandonare l'impresa Railway Skatepark dal 31 ottobre 2016.

 

"Ci abbiamo provato con tutte le nostre forze per 8 anni, ma per Frisco, autofinanziare ancora quest'impresa è diventato insostenibile".

 

In questi 8 anni abbiamo investito tanto in questa struttura, in questo "spazio culturale", con l'obiettivo di far crescere la "cultura dello Skateboard" a Brescia.

 

Tempo, manodopera e denaro investiti in migliorie strutturali per uno Skatepark nato e progettato male, costato ai contribuenti quasi 1 milione di Euro, contro i 195mila della struttura di Palazzolo appena inaugurata, fiore all'occhiello degli skatepark nazionali e futura tappa del campionato Italiano.

 

Nonostante ciò, grazie alla nostra passione ed alla nostra credibilità, siamo riusciti a realizzare a Brescia eventi di calibro nazionale ed internazionale, ma tutto questo non è bastato a guarire la malagestione del Railway Skatepark che abbiamo subito, e così, oggi, con grande malincuore dopo 8 anni di dedizione e uno Staff dedicato sette giorni su sette allo skatepark, Frisco con i suoi quindici anni di esperienza nel settore, è costretto ad abbandonare l'impresa Railway Skatepark.

 

Ci sentiamo in dovere di comunicare a tutti gli Skater di Brescia e d'Italia questo messaggio: "Abbiamo fatto di tutto per salvaguardare questo spazio, e siamo costretti ad abbandonarlo, ma Frisco non molla, continuiamo a lottare per diffondere la Cultura di questo grande sport a Brescia e in Italia".

 

Gianluca & Federico
Fondatori di FRISCO

PROSEGUI SUL SITO